Comunità Occitana – Stazione Termale

Amministrazione trasparente



PEC


Numeri utili

PEC

Le Terme Luigiane

giugno: 2017
L M M G V S D
« mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Seguici su facebook

Le Origini

 

I VALDESI

Il movimento valdese, al pari di altri movimenti di rinnovamento cristiano, nasce come tentativo di riportare la Chiesa di Roma, corrotta dal potere e nei costumi, agli ideali evangelici e all’insegnamento di Gesù.

Questo movimento fu fondato in Francia, a Lione, nel 1174 ad opera di un ricco mercante, Valdès o Valdo (poi chiamato Pietro Valdo), il quale utilizzò una parte delle sue ricchezze per far tradurre le Sacre Scritture in lingua volgare.

I valdesi incominciarono a predicare gli insegnamenti di Cristo in tutta la Francia meridionale denunciando il degrado della Chiesa e la sua immoralità fino a quando non furono condannati come eretici nel Concilio di Verona (1184), condanna che divenne definitiva nel IV Concilio Lateranense del 1215.

Dopo la scomunica, i loro seguaci si diffusero in Italia settentrionale e da lì si estesero in Austria e in Germania dove il movimento anticipò, più di ogni altro, aspetti che in seguito avrebbero caratterizzato la Riforma protestante del XVI secolo.

Aree di diffusione del movimento valdese tra il XII e il XVI secolo.

Diffusione del movimento valdese tra il XII e il XVI sec.

 


GUARDIA PIEMONTESE

Non si sa quando i valdesi giunsero in Calabria, né se ne conoscono con precisione i motivi.
Secondo alcuni studiosi, essi, vi giunsero attorno al XIII secolo spinti dall’esigenza di sfuggire alle persecuzioni in atto nelle valli piemontesi; secondo altri, ed è questa l’ipotesi più accreditata, il loro arrivo è da datarsi nella prima metà del XIV secolo a causa della mancanza di occupazione determinata dalla sovrappopolazione delle Valli.

Le cinque provincie della Calabria

Le cinque provincie della Calabria

In Calabria i valdesi trovarono terre molto fertili:

essendovi colline e pianure ornati da ogni sorta di alberi fruttiferi, come noci, castagne, ulivi, melangole ecc. e di terreni atti a ricevere ogni sorta di sementi, fecero colà convenzioni che pagando un tributo dei terreni che possiederebbero, potessero abitare a parte e fra loro costituire una comunità o più, e stabilire regolatori, con facoltà di imporre tagli e di esigerle senza essere obbligati di prenderne altra permissione nè renderne conto alcuna, eccetto fra di loro.

(Giglio, “Istoire des èglises rèformèes autresfois applèes vaudoises“, Ginevra, 1644).

In rosso le antiche comunità valdesi.


In rosso le antiche comunità valdesi.

Di tutto ciò le genti delle Valli ottennero regolare “istrumento” confermato dal Re di Napoli Ferdinando di Aragona.
I valdesi, oltre che a Guardia Piemontese (allora chiamata La Guardia), si insediarono in altre località della attuale provincia di Cosenza tra le quali occorre ricordare: Montalto UffugoVaccarizzoSan Vincenzo La Costa e San Sisto dei Valdesi.

Fra tutti questi insediamenti, Guardia Piemontese è attualmente, e da moltissimo tempo, l’unico posto in cui si è conservata l’antica lingua occitana e, fino a non molto tempo fa, anche l’uso del costume tradizionale.
Il luogo fu scelto probabilmente per la sua posizione elevata (circa 514 metri sul livello del mare) e fu cinto da mura a scopo difensivo, inglobando l’antica torre d’avvistamento realizzata (assieme a molte altre sparse lungo la costa tirrenica) tra XI e il XII secolo per segnalare in anticipo le incursioni di pirati e saraceni.


Ecco come viene descritta Guardia dal Vegezzi – Ruscalla nel suo “Colonia Piemontese in Calabria” (Studio Etnografico – Torino 20 novembre 1862):

 

Nella estrema parte d’Italia, dove la gran catena degli Appennini rasenta le tepide onde del Tirreno, ai piedi dell’Alpe che ha nome la Cresta del Bitonto, fra il rivo dei Vani a borea ed il rivo della Scala ad austro, nel territorio già, negli antichissimi tempi, della repubblica Turina ed ora della provincia della Calabria citeriore, circondario di Paola, mandamento di Cetraro, sorge sur una montagnuola un paesuccio, che, giusta l’anagrafe data dalla statistica amministrativa del 1861, contava 1517 abitanti dediti alle pacifiche cure dei campi ed in ispecial modo alla cultura dei bachi da seta, Alpestre ne è il territorio, però bene vi allignano la vite, il fico, l’olivo, il gelso ed i cereali, ma ciò che fa meglio conosciuto questo paese si è una sorgente termale di antica celebrità, le cui acque sono un potente rimedio contro le affezioni nervose da cui trasse il nome il vicino paese di Fuscaldo (Fons Calidus). Esso Comune ha nome Guardia, e la favella dei suoi abitanti è diversa da quella dei Comuni circonvicini, come è diversa la foggia di vestire delle donne, non che alcune costumenze rurali. 

Pietro Valdo

Pietro Valdo

Video Cenni Storici di Guardia Piemontese